Il mio viaggio in Kerala: l’India nel cuore


This post is also available in: Russo

“L’India ti cambia”. L’avevo sempre sentito e ora che ci sono stata devo dire che un po’ è vero. Ecco il racconto del mio indimenticabile viaggio in Kerala.

 

Il viaggio che ho appena fatto in Kerala, la punta all’estremo sud del continente indiano, è stato un’esperienza fortissima, intensa, in un mondo così diverso dal nostro, di cui forse non comprendiamo tutto, ma che proprio per questo va osservato e rispettato.

Una religiosità fatta di tanti riti curiosi, dove i templi buddisti si mescolano alle chiese cattoliche ed ortodosse e dove io non ho percepito nessuna forma di aggressività, ma anzi una fortissima serenità, che traspare da tutti i volti che incroci.

E poi tante cose buffe, come il caos incredibile delle strade, dove nessuno sembra rispettare le norme e dove intere famiglie viaggiano sulle moto, con i bambini seduti tra papà alla guida e la mamma, in sari, seduta di traverso come in Italia negli anni 50.

Il rischio più grande in auto? Le mucche! Che qui sono davvero padrone. Le incrociate soprattutto mentre si rilassano in spiaggia.
Gli elefanti invece sono un vero spettacolo e molto amichevoli. Se poi vi mettono la proboscide sulla testa, prendetela come una benedizione!

Viaggio in Kerala:Trivandrum tra templi e ayurveda

Ho visitato Trivandrum, una città antica, che risale al 1000 A.C..e il cui nome significa la dimora del Sacro serpente Ananta. Sorge su sette colline, come Roma e in città le ville coloniali si mescolano a chiese e templi e i moderni grattacieli si alternano alle casette dai tetti rossi tipiche del Kerala.

Qui certo non ci si annoia. Si può vedere il Kanakakkunnu Palace, edificio coloniale il cui anfiteatro ospita eventi e concerti e il Puthe Maliga Palace, l’ottocentesco palazzo dei marajà di Travancore, il giardino zoologico o visitare i bei musei vittoriani.

E potete restare ore nel Tempio di Sri Padmanabhaswamy dedicato a Vishnu, il più ricco tempio indù al mondo, i cui sotterranei sono stati mantenuti segreti per secoli e in cui sono state scoperte ricchezze da Mille e una notte.

La cucina tipica del Kerala è favolosa: spezie e noce di cocco  profumano tutti i piatti. Se poi siete dei veri gourmet, non potete perdervi l’occasione di una cena da Villa Maya, Il secondo miglior ristorante dell’India, ospitato in una favolosa dimora olandese del 1700.

E se poi non entrate più nei vostri abiti, acquistate un sari o un bel caftano di seta. Il mio indirizzo preferito è Marvellous Arts.

Se amate far festa i festival sono tantissimi. Noi abbiamo avuto la fortuna di partecipare alla festa che celebra l’energia femminile, un momento in cui tutte le donne escono in strada a cucinare e pregare per la loro energia. Milioni di donne si sono riversate in strada e noi con loro.

Ma c’è stato anche il festival del colore in cui ci si copre di polvere colorata e la gente si trasforma in un grande arcobaleno e mi dicono che nel nord dell’India, dove questa festa è più sentita, è un vero spettacolo.

Il Kerala, oltre ad essere famoso per i suoi bei paesaggi, la sua ottima cucina e il buon carattere del suo popolo, è anche lo stato per eccellenza dove trovare relax, purificarsi dalle preoccupazioni e farsi coccolare.


Io sono stata in un centro ayurvedico dove le lezioni di yoga si alternano ai massaggi (a 4 mani!), il bagno all’olio a quello con latte e riso, per finire con un’esperienza davvero favolosa: gocce d’olio tiepido vengono fatte scendere sulla fronte. Un trattamento di benessere (si chiama “shiradara”) che deve però anche aiutarci ad avere una migliore percezione del mondo, ad aprire iil nostro “terzo occhio”, cioè ad avere un maggiore controllo della nostra mente e delle nostre emozioni.

Un po’ difficile capire ed adottare questo atteggiamento con la nostra cultura occidentale, ma un “tuffo” in India è comunque benefico.


Io qui ho trovato persone sorridenti ed estremamente ospitali, nonostante la realtà che le circonda e in cui vivono non sia delle più semplici. Ho respirato serenità e spero che il ricordo di questo bel viaggio mi permetta di conservarla.

Se state programmando un viaggio in Kerala, ecco qui i miei indirizzi

Lago Akkulam
Qui le persone del posto vanno a fare il pin nic e far giocare i bambini.

Vila Maya ristorante
120 Airport Rd

Indian coffe House
Per bere il vero caffè  indiano insieme a qualche snack
Central Station Rd

Bread Factory
panificio e pasticceria
MG Rd

Marvellous Arts
per acquistare caftani e sari
Kovalam junction vicino a Divine super Market.

No Comments Yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *