Come imparare a gestire il tempo e le energie


This post is also available in: Russo

Le giornate continuano ad essere di 24 ore e per te è una continua corsa contro il tempo? Ecco tre piccoli consigli su come imparare a gestire il tempo e le energie. 

 

Attenzione: sto per farvi una domanda scomoda: chi di voi arriva a fine giornata soddisfatto di tutto quello che ha fatto, è contento di essere riuscito a realizzare tutto quello che si era prefisso? 
E chi invece puntualmente si dice “il tempo non basta mai”? 
Forse non è molto consolante, ma sappiate che la sensazione di non avere abbastanza tempo è un male comune e, anzi forse il più comune oggigiorno, tant’è che non è un caso se diciamo che il tempo è diventato il bene più prezioso


La buona notizia sta proprio in questo: il tempo è un bene prezioso e io credo che la svolta sia proprio nel cominciare a pensarlo con un amico, anziché con nemico. 

Come imparare a gestire il tempo e le energie? Tre piccoli consigli

Facciamo questo esercizio: cominciamo la giornata pensando a quante cose POSSIAMO fare oggi, anziché a quello che DOBBIAMO fare, a quante opportunità ci offrono le ore che abbiamo davanti, anziché pensare già in partenza che la giornata che abbiamo a disposizione non ci basterà.
Vi sembrerà assurdo, ma ma uno dei consigli migliori che abbia letto e che mi sento di condividere è prendere tempo per voi.
Ebbene sì, proprio quando ci sembra che non ci basti il tempo per fare niente, men che meno dedicarci a noi stessi, vuol dire che è arrivato il momento per costringerci a prestarci attenzione.
Questo perché le nostre energie sono fondamentali e senza di quelle non c’è orologio che tenga. 
Non è un caso se le persone produttive al mondo, sono quelle che cominciano la giornata con un po’ di tempo per sé, che si tratti di meditazione o jogging, yoga o una camminata ascoltando un podcast della trasmissione preferita.
Ritrovare energia aiuta parecchio a utilizzare meglio il tempo!


E sempre a questo proposito, altro trucco trucco, provateci, potrebbe essere questo: smettere di pensare la giornata in termini di ore e cominciare a pensarla in termini di energie.
Evitare quindi tutti quei pensieri ed attività che consumano energia o che non ci consentono di recuperarle adeguatamente (poche ore di sonno, continui extra di lavoro, weekend passati a cercare di recuperare la posta inevasa, ma anche rancori e arrabbiature covate invece di serene conversazioni in cui chiarirsi).


Ultimo piccolo consiglio: cominciare a pensare la giornata non come fatta di ventiquattr’ore, ma di 1440 minuti, ciascuno dei quali è molto importante. Non è una banalità, perché ognuno di noi sa quanto tempo richiede ogni azione, dal fare la spesa alla lavatrice, dall’andare a prendere i figli al rispondere alle email, perfino alla pausa caffè.Cominciamo a dare a ciascuna cosa il suo tempo e, soprattutto, ad ultimarla nel tempo stabilito, senza saltare qua e là. 


Poi ditemi se avete adottato questi consigli e se avete voi dei suggerimenti da condividere!

 

 

No Comments Yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *